Prospettiva Globale 42

Che tipo di strategia educativa?...

Prospettiva Globale 42

La dichiarazione del Ministro della pubblica istruzione, Ziya Selçuk, sull'urgente necessità di una nuova strategia educativa ha suscitato grande entusiasmo in molte persone. Una parte dei nostri problemi relativi al mondo accademico, alla burocrazia e alla politica deriva dalla mancanza di strategia. Pertanto, è un ottimo inizio iniziare principalmente con la strategia di ricerca negli istituzioni pubbliche e private. Recentemente è stato molto evidente che la nostra educazione nazionale, incentrata principalmente su esigenze tecniche e problemi urgenti, ha bisogno di una nuova strategia. D'altra parte, una parte più grande dei nostri problemi deriva dalle strategie sbagliate. La ricerca di una nuova strategia educativa è molto corretta. Pertanto, dobbiamo contribuire congiuntamente al fatto che la nuova strategia non è una delle strategie sbagliate o mancanti degli ultimi due secoli.

1) Una strategia che conosce il tipo di profilo umano che intende: Una strategia educativa deve rispondere principalmente all'esigenza di quale tipo di profilo umano dobbiamo avere per portare la nostra umanità e la nostra nazione a un futuro migliore. Il profilo umano, di cui abbiamo bisogno oggi, è il profilo umano, impreziosito da valori nazionali, morali e universali e adornato da opinioni pluralistiche.

2) Una strategia di principi di base: Dopo il profilo umano, si prevede che una strategia educativa debba rivelare una filosofia determinante o i principi di base per questo profilo. I principi universali di educazione possono essere allineati in sette articoli: un'educazione che dia consapevolezza della giustizia; un'educazione che rende il profilo umano una posizione positiva; un'educazione che solleva le persone con pubblica decenza; un'educazione che insegna a lavorare; un'educazione pluralistica che è diversificata secondo il potere degli individui; un'educazione annidata con la vita; una educazione interrogativa ed esplorativa invece della routine.

3) Analisi del bisogno e attrezzatura adeguata: Dopo il profilo umano e i principi di base, un'analisi sulla necessità deve essere adeguata alle condizioni attuali. L'analisi del bisogno dovrebbe essere elaborata con il settore privato, le diverse organizzazioni nel paese, le organizzazioni non governative e con l'accademia considerando il futuro della Turchia, della regione e del mondo. Le aree e le qualità che devono essere fornite nel processo educativo devono essere determinate in base all'analisi del bisogno. D'ora in poi si può dire che la Turchia è un paese in cui lo sforzo è molto denso, che ha bisogno di più personale intermedio, ecco perché è necessario dare priorità ai licei tecnici e che questo intero sistema dovrebbe essere rivisto in base a tali esigenze. L'analisi del bisogno non dovrebbe essere una sola volta, dovrebbe sempre essere aggiornata e rivista in base alle esigenze della vita.

4) Un’amministrazione pubblica che non professano ma coordina, ispeziona e dirige: Dopo che il profilo umano è determinato, i principi e le squadre che desiderano raggiungere, il punto più importante è se l'educazione è completamente professano dal pubblico o il pubblico assumerà una direttiva, una direttiva e un ruolo coordinato. Nel mondo di oggi, le persone vogliono già avere più voce nel futuro dei loro figli. I periodi della Guerra Civile in cui lo stato ha offerto il proprio programma alla società senza considerare le preferenze e le esigenze dei cittadini sono stati lasciati indietro. Le famiglie sono già alla ricerca di modi per trovare le aree educative più sensibili alle religioni, alle lingue e alle culture dei loro figli. Anche il profilo umano qualificato, richiesto dal mercato con i processi di globalizzazione, è già oltre quello che sarà possibile rispondere a un sistema educativo di routine dall'era della Guerra Fredda. I sistemi educativi devono avere la qualità per essere in grado di rispondere alle preferenze pluralistiche delle famiglie e alle diverse esigenze del mercato. Pertanto, la preparazione di una strategia educativa allo stesso tempo è legata alla libertà, ai diritti umani e alle esigenze del mercato. Se avete bisogno di esprimersi più apertamente, i sistemi di istruzione devono rispondere a diverse esigenze educative delle famiglie, tra cui più musulmani, più cristiana, più ebrei o più laico o più liberale, più socialista e più moderata. Allo stesso tempo, in un ambiente globale in cui la concorrenza aumenta sempre di più, il nuovo sistema educativo deve essere sensibile alle esigenze del mercato le cui richieste cambiano frequentemente. Non è possibile che un'istruzione, che può essere data solo dal pubblico, possa rispondere alle mutevoli esigenze del mercato e alle diverse preferenze delle famiglie. Pertanto, la nostra strategia educativa deve avere la qualità di coordinare, controllare e dirigere invece di professare per il pubblico. Nell'attuale sistema di istruzione, la tendenza ad aumentare il ruolo della società civile e del settore privato deve accelerare. Questo modello è applicato con successo nel settore sanitario. Si possono menzionare gli errori della società civile e del settore privato. Queste critiche potrebbero essere corrette. Ma la nostra civiltà è una civiltà fondatrice. Scienziati e pensatori come Avicenna (Ibn Sina), Al-Ghazali, Mevlana Jalal ad-Din Muhammad Rumi, Al-Khwarizmi, Mulla Shams ad-Din al-Fanari e Ali Qushji sono i nomi creati dalle istituzioni che erano gli elementi della civiltà di fondazione. Dobbiamo ricostruire queste fondamenta anche se stanno per scomparire. D'altro canto, il fatto che le esigenze e le spese per l'istruzione, come nuove scuole, insegnanti e edifici, siano soddisfatte solo dallo stato in paesi come la Turchia, dove la popolazione giovanile è densa non è sostenibile a causa dell'aspetto dei costi. La velocità della crescita della popolazione rallenta. Dopo un po ', non saranno necessarie nuove scuole e corsi e gli insegnanti non saranno in grado di trovare studenti per insegnare il calo del tasso di natalità. Pertanto, è necessario un motivo razionale per condividere questo costo con il settore privato.

5) Una strategia che non porta gli studenti al punto finale, ma li indirizza in base alle loro abilità: Uno dei problemi fondamentali dell'attuale sistema educativo è che porta i nostri giovani alle porte delle università e poi agli esami professionali per non averli indirizzati. Mentre il bisogno del nostro paese per le carriere professionali è piuttosto limitato, il fatto che i giovani siano portati al punto finale e affrontino la triste realtà sono una grande perdita sia per loro stessi che per il paese. Pertanto, la nostra strategia educativa deve essere basata su un sistema che è diretto secondo le abilità degli studenti all'inizio della scuola primaria. Il sistema di orientamento può talvolta includere la transitività.

6) Una strategia aperta alla concorrenza internazionale: La Turchia sta diventando sempre più un centro per studenti stranieri. Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, alla cerimonia di inaugurazione dell'Anno accademico del Consiglio per l'istruzione superiore, ha affermato che in Turchia ci sono 143 mila studenti stranieri. Nella competizione universale il nostro obiettivo è aumentare questa cifra. Per attirare più studenti stranieri, la nostra strategia educativa deve includere elementi come i dipendenti pubblici devono essere più consapevoli, le università devono specializzarsi, il settore privato deve fare nuove sanzioni e regolamenti devono essere rivisti.

7) Una strategia sensibile alle esigenze nazionali piuttosto che centralizzate: La strategia dovrebbe offrire opportunità in diverse città e in diverse scuole in base alle esigenze nazionali e offrire opportunità per le scuole di aprirsi o chiudersi in momenti diversi in base alle esigenze delle città.

Concludiamo il nostro programma con le affermazioni di Jack Ma, uno dei più importanti magnati del settore commerciale online: "L'educazione è un tema molto importante. Se non cambiamo il modo di educare, saremo in pericolo, dal momento che il nostro modo di educare risale a 200 anni fa. Non educhiamo i nostri figli alla competizione con le macchine. I computer sono più intelligenti degli esseri umani. Le abilità necessarie includono la costruzione di valori, il pensiero indipendente e la cura per gli altri rispetto all'educazione, allo sport, alla musica e alle arti, tutto ciò che è diverso da ciò che fanno le macchine.



NOTIZIE CORRELATE