La "buona notizia" storica di Erdogan