Erdogan: "Una politica come quella con l’Israele è possibile anche con l'Egitto"

Il presidente Erdogan ha fatto valutazioni all'ordine del giorno ai giornalisti sull'aereo di torno dall'Arabia Saudita...

1820880
Erdogan: "Una politica come quella con l’Israele è possibile anche con l'Egitto"

Il presidente Recep Tayyip Erdogan, sulle relazioni con l'Egitto, ha affermato:

"Una politica come quella con Israele è possibile anche con l'Egitto".

Il presidente Erdogan ha fatto valutazioni all'ordine del giorno ai giornalisti sull'aereo di torno dall'Arabia Saudita.

Erdogan sottolineando che la sua visita in Arabia Saudita segnerà l'inizio di una nuova era nelle relazioni tra i due Paesi, ha dichiarato:

"Abbiamo concordato con l'Arabia Saudita di riavviare l'enorme potenziale economico attraverso una serie di eventi progettati per riunire i nostri investitori".

Erdogan osservando che uno dei paesi candidati all'Expo 2030 è anche l'Arabia Saudita, ha aggiunto che, come la Turchia, sosterranno questo Paese per EXPO 2030 che si terrà a Riyadh.

Mentre, per quanto riguarda le relazioni con l'Egitto, Erdogan ha dichiarato:

"Abbiamo una politica nei confronti dell’Israele, una politica del genere è possibile anche con l'Egitto. Le nostre relazioni con l'Egitto sono ancora a un livello basso, continua il rapporto tra i servizi di intelligence. Continua anche il rapporto tra i nostri imprenditori. I risultati positivi sono sulla strada verso dove tali passi possono essere compiuti ad alto livello/.../ I nostri cuori vogliono che facciamo questo il prima possibile. Perché penso che una volta raggiunto questo obiettivo, la pace e l'unità della regione passeranno ad una posizione molto più avanzata. Dobbiamo entrare in un processo molto diverso nella nostra regione con paesi con cui condividiamo le stesse convinzioni e opinioni. Questo è il processo per farsi degli amici, non dei nemici".

Erdogan rendendo noto che la Turchia è un Paese determinante nella regione, ha affermato che la Turchia non vuole interrompere i legami con l'Egitto e Israele.

Il presidente affermando che l’Israele ha bisogno della Turchia e che anche la Turchia ha bisogno di questo paese in termini di situazione nella regione e piani di pace, ha espresso la sua insoddisfazione per la tensione creata dal gruppo di estrema destra israeliano alla moschea di Al-Aqsa durante il Ramadan, sperando che simili incidenti non si ripetano in futuro.



NOTIZIE CORRELATE