Linda Thomas-Greenfield e Mark Cutts sono in visita a Hatay

Greenfield, insieme al vice coordinatore regionale per le operazioni umanitarie dell'Onu in Siria, Mark Cutts, ha visitato il centro di distribuzione del programma alimentare dell’ONU a Reyhanlı e ha ricevuto informazioni sugli aiuti umanitari.

1651130
Linda Thomas-Greenfield e Mark Cutts sono in visita a Hatay

Il valico Cilvegozu di Hatay e’ la migliore opzione della comunita’ internazionale per raggiungere gli aiuti umanitari in Siria. Lo ha detto l’inviato USA alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, che è in visita a Hatay.

Greenfield, insieme al vice coordinatore regionale per le operazioni umanitarie dell'Onu in Siria, Mark Cutts, ha visitato il centro di distribuzione del programma alimentare dell’ONU a Reyhanlı e ha ricevuto informazioni sugli aiuti umanitari.

“Vengono monitorati tutti i processi. Sappiamo a chi vanno i prodotti. Diamo un’enorme importanza alla trasparenza e alla responsabilita’” ha detto Cutts e ha aggiunto “Le autorita’ turche, mente venivano adottate le restrizioni contro l’emergenza di coronavirus, non hanno interretto gli aiuti umanitari nemmeno per un giorno. Pero se noi non facciamo la nostra parte sull’apertura di valichi, quindi neanche loro non possono fare la loro parte” ha detto Cutts.

Greebfield, dal canto suo, ha reso noto agli sforzi impegnativi di coloro che contribuiscono agli aiuti umanitari.

 “Attualmente il valico Cilvegozu di Hatay e’ la migliore opzione della comunita’ internazionale per raggiungere gli aiuti umanitari in Siria.La chiusura di questo valico provocherebbe a succedere tante brutalita’” ha detto Greenfield e ha ringraziato le autorita’ turche per l’accoglienza.



NOTIZIE CORRELATE