Presidente Erdogan: "Opporci agli attacchi contro il nostro Profeta è una questione d'onore per noi”

Invitiamo gli europei sensibili a prendere iniziative per contrastare questa tendenza che minaccia il loro futuro e quello dei loro figli...

1517602
Presidente Erdogan: "Opporci agli attacchi contro il nostro Profeta è una questione d'onore per noi”

Il presidente ed il leader del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (Partito AK) Recep Tayyip Erdogan, che ha tenuto un discorso durante la riunione del gruppo parlamentare del suo partito, riguardo alle vignette che prendono di mira il profeta dei musulmani Maometto, in Europa, ha dichiarato:

"Opporci sinceramente agli attacchi contro il nostro Profeta è una questione d'onore per noi.

Chi sono io, non ho bisogno di dire nulla a questi immorali che insultano così tanto il nostro amato Profeta.

Ho saputo che mi hanno attaccati con vignette. Non gli ho nemmeno guardato perché non è necessario prestare attenzione a quei post immorali anche per vedere cosa fanno.

Purtroppo, stiamo attraversando un periodo in cui l'islamofobia, la mancanza di rispetto per il nostro Profeta si diffonde principalmente tra i leader europei come il cancro. La Francia e l'Europa in generale non meritano queste politiche infertili, provocatorie, ingrate e odiose di Macron e di chi la pensa così.

Invitiamo gli europei sensibili a prendere iniziative per contrastare questa tendenza che minaccia il loro futuro e quello dei loro figli.”

Per quanto riguarda il raid della polizia contro la moschea Mevlana nella capitale tedesca Berlino, il presidente ha detto:

”La cancelliera Merkel non ha saputo spiegare perché 100-150 agenti di polizia hanno fatto irruzione nella moschea Mevlana, a Berlino, durante la preghiera mattutina.

Un musulmano non può essere un terrorista, un terrorista non può essere un musulmano"

 



NOTIZIE CORRELATE