Ministro Gul: "È impossibile accettare la mancanza di progressi nell'estradizione del capo di FETO"

Turchia vuole ciò che deve essere in uno stato di diritto: l'estradizione di Gulen, l'adempimento della richiesta delle autorità giudiziarie turche...

1217155
Ministro Gul: "È impossibile accettare la mancanza di progressi nell'estradizione del capo di FETO"

Il ministro della Giustizia turco, Abdulhamit Gul, ha avuto un incontro con il suo omologo americano, William Barr, a Washington. A seguito Gul ha valutato l’incontro con Barr e altri contatti nel paese coi giornalisti turchi.

Prima di tutto, il ministro ha osservato di essere lieto di aver incontro i cittadini turchi che vivono negli Stati Uniti, aver partecipato al “Turkish Day” a New York e di aver visitato la moschea bruciata a New Haven.

Gul rilevando di aver affrontato il processo di estradizione di Gulen, il leader dell’organizzazione terroristica FETO, ha detto:

"Con il Segretario Barr, abbiamo affrontato questioni relative all'assistenza legale reciproca tra la Turchia e gli Stati Uniti e le convenzioni internazionali. È stato un dialogo molto fruttuoso e benefico. Spero che otterremo ottimi risultati. Secondo le disposizioni delle convenzioni e gli strumenti internazionali firmati da entrambe le nazioni, finora dovrebbe essere stato fatto un passo. È impossibile per noi accettare che non ci siano ancora progressi in questo senso. Non possiamo accettare che il problema non sia stato rinviato alle autorità giudiziarie negli Stati Uniti nonostante la consegna delle prove, documenti e richieste di estradizione emesse dalle autorità legali turche. La Turchia vuole ciò che deve essere in uno stato di diritto: l'estradizione di Gulen, l'adempimento della richiesta delle autorità giudiziarie turche"

Per quanto riguarda l'assistenza giudiziaria reciproca tra i due paesi, il ministro della Giustizia ha affermato che le petizioni degli Stati Uniti sono state soddisfatte in vari momenti nel quadro della giustizia e che la Turchia si aspetta che gli Stati Uniti facciano lo stesso.



NOTIZIE CORRELATE