Rassegna Stampa Turca

Sabah titola: “Erdogan: La Turchia è dalla parte degli oppressi ovunque ci siano persecuzioni”...

1510266
Rassegna Stampa Turca

Sabah titola: “Erdogan: La Turchia è dalla parte degli oppressi ovunque ci siano persecuzioni” e riporta che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha affermato che la Turchia sarà sempre dalla parte degli oppressi e non starà mai a guardare di fronte alla tirannia e alle oppressioni. "C'è tirannia in Libia. In Siria c'è oppressione lungo il nostro confine di 910 chilometri. C'è tirannia in Somalia. C'è la tirannia degli armeni in Azerbaigian. Loro sono i nostri fratelli. C'è una responsabilità che i nostri antenati ci hanno lasciato nel corso della storia. Non ci fermiamo e cerchiamo di fare il nostro dovere anche lì", ha detto il presidente.

Star titola: “Aliyev: La Turchia può fondare una base in Azerbaijan” e riporta che il presidente dell'Azerbaigian, Ilham Aliyev, ha riferito che finora sono stati salvati dall'occupazione armena circa 40 città e villaggi. Il presidente Aliyev ha dichiarato che nessun problema nella regione può essere risolto senza la presenza della Turchia e che la Turchia potrà fondare una base militare in Azerbaigian se il suo paese sarà in pericolo.

Hurriyet titola: “Pashinyan ammette la sconfitta” e riporta che l'esercito armeno, che sta compiendo massacri civili a Ganja, ignorando il cessate il fuoco umanitario dichiarato nel Nagorno-Karabakh, continua a subire pesanti perdite. Il primo ministro, Nikol Pashinyan, ha ammesso che l'Armenia è stata sconfitta al fronte. Pashinyan ha affermato che le forze armene avevano subito pesanti perdite al fronte e che le truppe erano state costrette a ritirarsi sia a nord che a sud della linea del fronte.

Haberturk titola: “Le affermazioni della Grecia "i turchi non possono monitorare i nostri sottomarini" sono finite nel nulla” e riporta che alcuni portali greci hanno affermato che i sottomarini greci non potevano essere rilevati dalle unità delle forze armate turche. Ma si è scoperto che i sottomarini greci, che erano presumibilmente fuori dalla portata del radar e stavano svolgendo tutta la loro attività nel Mediterraneo orientale senza essere rilevati da nessun altro, erano monitorati e seguiti in ogni momento dalle unità del comando navale turco. 

Yeni Safak titola: “La Turchia si aspetta la grande buona notizia” e riporta che dopo una prima scoperta di 320 miliardi di metri cubi di gas naturale annunciata dal presidente Recep Tayyip Erdogan, la nave di perforazione Fatif ha trovato nuove riserve nei sottostrati del Mar Nero. Il sabato Erdogan dovrebbe annunciare la scoperta di ulteriori 80 miliardi di metri cubi di riserve di gas.

 



NOTIZIE CORRELATE