Agenda, costringere alla pace il regime e i suoi alleati ad Idlib

Vi presentiamo le valutazioni sulla questione del ricercatore delle politiche estere presso SETA, Can Acun…

Agenda, costringere alla pace il regime e i suoi alleati ad Idlib

Le forze del regime di Assad, con il crescente sostegno della Russia e l’Iran, continuano gli attacchi ad Idlib, in contrasto con il processo di Astana. Le forze del regime che avanzano in modo da prendere il controllo della strategica autostrada M4-M5, e mentre hanno conquistato le regioni da Serakib fino alla provincia di al-Eys, nell'ultimo anno quasi un milione e mezzo di persone della regione sono state costrette a lasciare le loro case. Le operazioni militari complete contro Idlib, ora confermano il desiderio del regime e dei suoi alleati di una vittoria militare, invece di una soluzione politica, mentre Turchia coi passi militari intrapresi ha dimostrato che non lo permetterebbe.

Vi presentiamo le valutazioni sulla questione del ricercatore delle politiche estere presso SETA, Can Acun…

Nelle ultime due settimane le forze del regime, ricevendo sostegno a terra dalle milizie sciite iraniane e dall'aria dalla Russia, hanno intensificato i loro attacchi contro Idlib e hanno continuato ad avanzare contro i territori controllati dall'opposizione. Dopo aver conquistato Maarrat Al Numan, la più grande provincia di Idlib, dirigendosi verso il nord, hanno preso anche il controllo di Serakib, di importanza strategica che collega le autostrade M4-M5. Centinaia di migliaia di persone hanno iniziato a fuggire dalle regioni attaccate verso il confine con la Turchia. Di fronte a questa situazione, la Turchia ha dovuto dare un ultimatum contro le forze del regime, inviando rinforzi militari ad Idlib. Tuttavia, a seguito dell'attacco diretto del regime contro i soldati turchi nelle regioni come Serakib e Taftanaz, la Turchia ha dovuto colpire le forze del regime per la prima volta su larga scala dall'inizio della guerra civile in Siria. Il presidente Erdogan dando una data, ha dichiarato: "Se le forze del regime non si ritireranno al di fuori dei confini dell'accordo di Sochi fino alla fine di febbraio, interverremo militarmente e respingeremo il regime".

Queste dichiarazioni di Erdogan e il trasferimento di rinforzi militari a Idlib da parte delle Forze Armate turche sono stati un'indicazione del cambiamento della strategia della Turchia nella regione e l'inizio di un nuovo periodo. La Turchia, aprendo ancora la strada a un accordo con la Russia, vuole che il regime si ritira oltre i confini dell'accordo di Sochi. Tuttavia, se ciò non dovesse accadere, il che sembra improbabile, la Turchia e gli elementi dell'opposizione saranno costretti a lanciare un'operazione militare per respingere il regime siriano oltre ai 12 posti di osservazione.

Oltre al regime siriano, gli ultimi passi della Russia in Siria nell’ultimo periodo sono dannose per gli interessi della Turchia. Ora è tempo che la Russia comprenda il valore della Turchia come alleata. Sembra che l’aumento del costo di una soluzione militare da parte della Turchia sia necessario per comprendere l'importanza della pace e anche per farla comprendere alla Russia.


etichetta: Can Acun

NOTIZIE CORRELATE