Macron: "Partiti di estrema destra e sinistra potrebbero trascinare il paese nella guerra"

Macron ha dichiarato che i programmi politici dei partiti  di estrema destra di Marine Le Pen, "Raggruppamento Nazionale" (RN), e  di estrema sinistra "Francia Non Sottomessa" (LFI)  potrebbero portare il paese alla guerra civile.

2155748
Macron: "Partiti di estrema destra e sinistra potrebbero trascinare il paese nella guerra"

ll presidente francese Emmanuel Macron  avverte che i programmi dei partiti di estrema destra e di estrema sinistra potrebbero  trascinare il paese nella guerra civile.

Il presidente fracese Emmanuel Macron ha valutato le promesse elettorali dei partiti rivali in un podcast prima delle elezioni anticipate, il cui primo turno si terrà il 30 giugno

Macron ha dichiarato che i programmi politici dei partiti  di estrema destra di Marine Le Pen, "Raggruppamento Nazionale" (RN), e  di estrema sinistra "Francia Non Sottomessa" (LFI)  potrebbero portare il paese alla guerra civile.

"La soluzione offerta dall’estrema destra contro l’insicurezza ha diviso la società e trascinato il paese nella guerra civile", ha detto Macron  affermando che la LFI ha offerto una sorta di comunitarismo alla Francia. Macron ha affermato che dopo una situazione del genere potrebbe scoppiare una guerra civile nel paese.

 "Quando siamo stanchi di tutto, quando la vita diventa ogni giorno più dura, possiamo essere attratti dagli estremisti che offrono soluzioni più rapide. Tuttavia, la soluzione non sarà mai quella di rifiutare l'altro", ha affermato Macron.

Dicendo he i suoi rivali, RN e LFI, hanno risposto ai problemi reali, alla rabbia e alle preoccupazioni dei cittadini, Macron ha affermato di ritenere sbagliata la soluzione offerta da questi partiti, aumentando il conflitto nel paese.

Nelle elezioni francesi del Parlamento europeo (PE) di inizio mese, RN si è piazzato al primo posto con un ampio margine con il 31,37% dei voti, mentre il partito Rönesans del presidente Macron è arrivato secondo con il 14,60%.

Il 9 giugno, in seguito all’annuncio dei risultati delle elezioni AP, Macron ha sciolto il Parlamento e ha annunciato la decisione di indire elezioni anticipate dal 30 giugno al 7 luglio.



NOTIZIE CORRELATE