I leader dei Paesi del G7 decidono di concedere all'Ucraina un prestito di 50 miliardi di dollari

Secondo quanto riportato dalla stampa internazionale, il vertice dei leader del G7, che riunisce le 7 principali economie sviluppate del mondo e che è iniziato oggi in Italia, ha concordato un piano per sostenere finanziariamente l'Ucraina...

2152737
I leader dei Paesi del G7 decidono di concedere all'Ucraina un prestito di 50 miliardi di dollari

I leader dei Paesi del G7 hanno deciso di concedere all'Ucraina un prestito di 50 miliardi di dollari, utilizzando come garanzia i profitti dei beni congelati dalla Russia.

Secondo quanto riportato dalla stampa internazionale, il vertice dei leader del G7, che riunisce le 7 principali economie sviluppate del mondo e che è iniziato oggi in Italia, ha concordato un piano per sostenere finanziariamente l'Ucraina.

In base all'accordo, i Paesi del G7 presteranno all'Ucraina 50 miliardi di dollari fino alla fine del 2024, utilizzando come garanzia i proventi degli interessi dei beni congelati della Banca centrale russa.

Gli Stati Uniti (USA) garantiranno la maggior parte del prestito. Ma anche l'Europa e altri Paesi contribuiranno.

Il mese scorso i ministri delle Finanze dei Paesi del G7 non sono riusciti a raggiungere un accordo finale su una proposta degli Stati Uniti di utilizzare i proventi degli asset russi congelati per sostenere la ripresa dell'Ucraina.

Dall'inizio della guerra Russia-Ucraina, i Paesi occidentali hanno congelato circa 300 miliardi di dollari di beni russi. Di questi, circa 200 miliardi di dollari si trovano nei Paesi dell'UE.

I beni congelati generano ogni anno miliardi di dollari di interessi. I Paesi del G7, in particolare gli Stati Uniti, vogliono utilizzare queste entrate per sostenere l'Ucraina.



NOTIZIE CORRELATE