Migranti, Turchia propone novità e chiede 6 miliardi, Ue rinvia decisione

In cambio, la Turchia ha chiesto il raddoppio dei fondi previsti fino al 2018 (attualmente la somma fissata è di tre miliardi di euro) per aiutare i rifugiati siriani a restare in Turchia e un impegno a riprendere anche quelli che arriveranno in Grecia da

446451
Migranti, Turchia propone novità e chiede 6 miliardi, Ue rinvia decisione

BRUXELLES (Reuters) - I leader europei hanno accolto favorevolmente l'offerta della Turchia di riaccogliere tutti i migranti che giungano in Europa attraverso il suo territorio e, almeno in via di principio, hanno detto sì alla richiesta di Ankara di ottenere maggiori aiuti, un'adesione più rapida alla Ue e di velocizzare l'abolizione del visto.

Ma i dettagli principali del possibile accordo devono ancora essere discussi in dettaglio, dunque i capi di Stato e di governo dell'Unione Europea hanno rimandato la decisione al prossimo vertice Ue, che si terrà il 17 e 18 marzo.

La cancelliera tedesca Angela Merkel e il primo ministro David Cameron, tra gli altri, sono stati i più favorevoli alla proposta a sorpresa da parte dei turchi e la considerano una possibile svolta nella crisi dei migranti, che sta avendo conseguenze politiche pesanti per la Ue.

Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha detto ai leader europei che Ankara è pronta a riprendersi tutti i migranti che arriveranno in Europa, tra cui gli stessi rifugiati siriani, oltre a quelli intercettati nelle sue acque territoriali.

In cambio, la Turchia ha chiesto il raddoppio dei fondi previsti fino al 2018 (attualmente la somma fissata è di tre miliardi di euro) per aiutare i rifugiati siriani a restare in Turchia e un impegno a riprendere anche quelli che arriveranno in Grecia dalle sue coste.



NOTIZIE CORRELATE