AGENDA. Questa settimana è stata  il 101 ° anniversario della sua morte

Presentiamo le valutazioni di professore Kudret Bülbül presso l’Università di Yıldırım Beyazıt.

AGENDA.  Questa settimana è stata  il 101 ° anniversario della sua morte

 

Sultan Abdulhamid II morì il 10 febbraio 1918. Questa settimana è stata  il 101 ° anniversario della sua morte. La storia non è davvero passata. È il riferimento principale che illumina futuro. Per questo motivo, è necessario non considerare la storia come oggetto di elogi o di acccusa, ma si deve analizzarla dal punto di vista delle lezioni da trarre sul futuro. Come dice Mehmet Akif, "la storia è la ricorrenza degli eventi”

Il suo periodo è forse il periodo più importante della nostra storia recente, che contribuirà alla nostra comprensione di oggi.

Indubbiamente, ci sono molti argomenti da sottolineare in questo periodo come gli sforzi di sviluppo, le scuole, le strade, le relazioni bilaterali creati con le geografie lontane , e la politica di equilibrio globale. Dopo aver indicato alcuni aspetti, vorrei sottolienare  alcuni problemi che affrontiamo in questi giorni.

 

L'intero scopo di Sultan Abdülhamid può essere considerato  come un tentativo di evitare il crollo di un gigante impero con la politica di equilibrio tra le super potenze  del periodo. Tutta la sua vita è stata dedicata a una lotta contro attori esterni e quelli interni in collaborazione con questi attori esterni per salvare l'Impero Ottomano, definito come "un uomo malato" dal mondo.

Perciò avesse dovuto affrontare molte accuse che non meritava. È noto che il partito  İttihat e Terakki, che lo hanno accusato di fare pressione è  diventato più repressivo dopo essere salito al potere. Nel suo periodo, con il sostegno del Regno Unito, gli ebrei sionisti cercassero di stabilire uno stato israeliano nelle terre ottomane.

 

 

Katip Çelebi come Ibn Khaldun ,assomiglia gli stati alla struttura umana. Anche gli Stati vivranno  le loro età dell'infanzia, della gioventù e della vecchiaia. Secondo  lui l'Impero Ottomano avesse  già lasciato alle spalle quelle prime età e raggiıunse la vecchiaia. Cosi come i medici che prolungano la vita del paziente, anche i capi di stato  esperti possono ritardare le inevitabili conclusioni nell’amministrazione.. Per questo motivo, l'amministrazione dell'Impero ottomano, secondo Çelebi, sarebbe dovuto essere consegnata a una persona forte e capace.

 

Ma ora lo spirito del tempo sta cambiando. L'età degli imperi  è già finita. All'inizio del 20 ° secolo, non solo l’impero ottomano è stato  eliminato dalla scena della storia. L'impero russo e l'impero austro-ungarico  sono stati eliminati dalla scena della storia  durante la prima guerra mondiale. Si può dire che l'impero britannico, considerato l'attore più potente del periodo, si è spento alla fine della seconda guerra mondiale.

 

Riflessioni ad oggi:

 

Forse la prima cosa da esprimere in termini di riflessioni oggi, sarebbe le relazioni di Abdulhamid con il mondo a livello globale e l'interesse mostrato ai musulmani nel mondo. Per questo motivo, è possibile vedere una relazione con  Giappone e Cina, dall'Africa al Medio Oriente e all'Europa in molti luoghi. Abdülhamid tra i sultani ottomani, sarebbe il sultano che ha  fatto molto cose nonostante tutte le impossibilità dello stato..

 

La detronizzazione  di Abdülhamid con un colpo di stato può essere vista come il culmine della tradizione del golpe tra coloro che hanno avuto successo fino ad allora. La lotta della tradizione della democrazia, che continua con Menderes, Özal ed oggi Erdoğan, continua con la storia della Repubblica.

 

Il partito AK  ha  debolito  con i passi di  democratizzazione e smilitarizzazione passi la tradizione golpista in Turchia. Con il passaggio al nuovo sistema presidenziale forse questa tradizioene di golpe  è ad un livello più debole della sua storia.

 

 

 



NOTIZIE CORRELATE