Prospettiva Globale 47

Orientalismo che diventa regionale...

Prospettiva Globale 47

Gli studi condotti dai ricercatori occidentali sull'imperialismo e gli aspetti politici, sociali, culturali, religiosi, etnici e antropologici delle società orientali sono chiamati "orientalismo". Il concetto non è un oggetto che guarda alle società orientali, ma ha un significato negativo per gli approcci che lo considerano un oggetto passivo.

Gli studi orientalisti non hanno perso il loro significato nel mondo di oggi. Però hanno ha cambiato notevolmente la sua forma. Gli studi condotti dai ricercatori occidentali nei siti di ricerca non sono più necessari quanto prima, soprattutto quando ci si sposta verso est. Dal momento che i ricercatori dei paesi orientali sono troppo entusiasti di offrire i loro studi e indagini quando si spostano nei paesi occidentali.

La nostra triste storia di 200 anni

Paesi come la Turchia e il Giappone, che non hanno potuto di affrontare la civiltà occidentale, hanno inviato ricercatori, esperti, studenti, accademici e funzionari in Occidente per quasi 200 anni. Oggi anche molti paesi dell'Africa, dei Balcani, del Medio Oriente, dell'Estremo Oriente e dell'America Latina, e paesi come la Cina e l'India seguono un metodo simile. In questi paesi non solo delle università ma anche da tutti i Ministeri e le istituzioni pubbliche, i dipendenti vengono inviati nei paesi occidentali per ricevere istruzione, informazione, cultura e buone maniere. Questi paesi mantengono i loro sforzi pagando seri costi e rinunciando alle loro molte spese obbligatorie in modo che queste persone possano vedere l'esperienza, la scienza, la tecnologia e il metodo dell'occidente. Ma si può raggiungere l'obiettivo desiderato? Non sembra così perché le persone continuano ad essere inviate in Occidente per scopi educativi per 200 anni. Nei miei anni universitari uno dei miei professori ci aveva detto che: "I giapponesi sono tornati nel loro paese con la scienza e la tecnologia dell'Occidente, ma i nostri sono tornato ad essere poeti". Il poeta Sezai Karakoç racconta molto bene con il suo poema "Masal" (Racconto) la triste storia di 200 anni di una scomparsa in Occidente attraverso un padre con sette figli.

Andare in Occidente e lavora per il tuo paese

È un'amara verità che studenti, accademici, ricercatori e dipendenti pubblici, inviati da molti paesi in Occidente con la speranza che "torneranno nel loro paese e contribuiranno allo sviluppo del loro paese dopo aver ottenuto l'esperienza informativa di quei paesi, non sono tornati nei loro paesi. Questa situazione verrà scoperta se le università e le istituzioni pubbliche, che inviano i propri dipendenti, conducono una breve indagine al riguardo.

Ricercatori, dipendenti pubblici, studenti, inviati in paesi occidentali, non lavorano su questioni relative ai paesi in cui vengono, ma lavorano su questioni relative ai loro paesi. Quando incontro qualcuno che si è trasferito in un paese occidentale per motivi accademici e poi è tornato in Turchia, vedo questa immagine triste.

Non essere un esperto dell'Occidente per il tuo paese, ma dalla Turchia all'Occidente

Il fatto che coloro delle società non occidentali che si spostano a ovest per scopi educativi, lavorano sui loro paesi, possono causare risultati contrari. In questa situazione, questi paesi iniettano il loro fondo in Occidente con le loro esperienze. Coloro che si muovono non chiudono le carenze necessarie nei loro paesi dopo essere tornati nei loro paesi lavorando su un problema relativo al loro paese. E diventano esperti nelle questioni che l'Occidente ha bisogno del proprio paese. Dando un esempio dalla Turchia, nonostante il fatto che abbiamo inviato persone per 200 anni, il numero di esperti in Turchia è molto limitato dai paesi come USA, Germania e Francia. Al contrario, è molto più il numero di persone che diventano esperti della Turchia ad educare nei paesi occidentali con fondi turchi. È molto difficile trovare un esperto nei paesi occidentali, ma questi esperti compaiono spesso in televisione, giornali e siti web sulle questioni relative alla Turchia.

Gli occidentali non hanno più bisogno dei nuovi studi orientalisti perché quelli che si trasferiscono in paesi occidentali da società non occidentali conducono studi su questioni come violazioni dei diritti umani, problemi etnici, problemi di minoranza, questioni strategiche e movimenti religiosi. Per il fatto che un ricercatore occidentale discute un argomento in una società non occidentale apprendendo la loro lingua e sapendo che le differenze tra le società richiederanno più tempo e saranno più costose. Ma è molto pratico per il tempo e costa il fatto che un ricercatore lavori sugli stessi argomenti che vengono trasferiti in Occidente con i fondi del loro paese e che ritornano nel loro paese con le teorie e i metodi dell'Occidente. È uno sforzo molto intelligente per rendere le persone che si trasferiscono in Occidente con i fondi del loro paese un esperto per l'Occidente. È un lavoro intelligente e sofisticato.

Il problema deriva solo dal paese in cui ti stai spostando? Riferiremo la settimana prossima i problemi derivanti dalla ricerca di un futuro nel tuo paese con gli studi realizzati per l'Occidente e che la rottura intellettuale è orientata verso se stessa. Ma, indico ora che il problema non nasce solo dai paesi dove va, in più una parte del problema arriva dai paesi occidentali.



NOTIZIE CORRELATE