Idilib oggi e’ diventato l’ultima roccaforte delle opposizione siriana

Vi presentiamo le valutazioni di can Acun presso SETA

Idilib oggi e’ diventato l’ultima roccaforte delle opposizione siriana

Idilib oggi e’ diventato l’ultima roccaforte delle opposizione siriana da quando e’ scoppiata la crisi siriana nel 2011. Accanto a Idilib, Sud e Nord Aleppo, Nord Hama e Latakkia sono sotto il controllo dell’opposizione siriana che lottano contro il regime di Assad. Idilib oggi e’ diventato una zona piu importante poiche l’opposizione siriana ha perso il controllo di alcune zone nelle loro mani come Deira, Ghouta orientale, Kuneytra e Homs occidentale.  Idilib della quale popolazione e’ raggiunta 3 milioni con il  processo di pacificazione intrapreso ad Astana, e’ stata proclamata come una zona di “pacificazione”.

Nella regione di Idilib quache volta,i gruppi d’opposizione siriani lottano tra di loro per le diversita’  di ideologia o per prendere completamente il controllo. A Idilib sono attivi due gruppi. Hayat Tahrir al-Sham ( HTŞ) e Syrian Liberation Front. Quello primo e’ considerato dagli USA come un gruppo terroristico mentre quello secondo e’  sostenuto dalla Turchia. Inoltre ci sono alcuni altri gruppi  radicali che  il regime siriano e i suoi alleati sfruttano per intervenire nella regione. Turchia, da parte sua, si impegna per eliminare questi gruppi con le manovre politiche.

Anche se a Idılib e’ stata stabilita zona de esclation, arrivavano  notizie secondo le quali il regime siriano e i suoi alleati si preparavano ad un intervento diretto e comprensivo. Tale intervento porterebbe diversi rischi alla Turchia. L’inviato dell’Onu per la Siria Steffan de Mistura avverte che se lo scenario vissuto nella regione Ghouta orientale avvenisse a Idilib, la tragedia umana nella regione sarebbe piu pesante.l’eleminazione . La capacita’ attuale del regime siriano non si dimostra sufficenete senza il consenso e il sostegno della  Russia. Tuttavia,  le posisioni di due paesi in Siria, le relazioni bilaterali  indeboliscono tale possibilita’.

Tuttavia, i raid aerei colpiscono la stabilita gia creata nella regione con il processo di Astana.Turchia  si impegna per salvare la regione dove  circa 3 milioni civili vivono eseguendo  negoziati con la Russia. Intanto cerca di eliminare la presenza dei gruppi radicali nella regione su cui il regime siriano e Russia conducono raid aerei. Il regime invece cerca di disattivare completamente i gruppi d’opposizione nella regione per colpire tutte le forze d’opposiizone.

 La protezione di Idilib ha diversi motivi cruciali per la Turchia.Uno di questi è evitare un flusso migratorio verso il suo confine, altro è aver la parola da dire nei negooıziati  sul futuro della Siria.


etichetta: Turchia , Idilib , Agenda

NOTIZIE CORRELATE