Prospettiva Globale 32

Evangelismo: Trascinare il Dio nel Giorno del Giudizio e l'umanità nel disastro...

Prospettiva Globale 32

Negli ultimi tempi stiamo discutendo intensamente il rapporto tra la religione e lo stato a causa dell'eredità fatale lasciata dall'organizzazione terrorista Fethullahista (FETO) nella politica turca. Molte volte consideriamo e ci rammarichiamo che i fenomeni che si sono verificati nel nostro paese appartengono solo a noi. La decisione degli Stati Uniti contro la Turchia a causa del pastore americano Andrew Brunson ha dimostrato ancora una volta che non è così.

L'opinione pubblica turca non conosceva la presenza di Brunson, che ha lavorato come missionario in Turchia per decine di anni prima delle accuse contro di lui dopo il 15 luglio 2016. La decisione degli Stati Uniti di imporre sanzioni contro la Turchia a causa dell'arresto del pastore Brunson, accusato di sostenere il PKK e FETO, ci ha indotto a pensare anche al rapporto tra la religione e lo stato negli Stati Uniti. Sebbene considerata dagli Stati Uniti come una libertà religiosa, questo caso ci impone di concentrarci nuovamente sulla relazione tra la religione e lo stato degli Stati Uniti. Dal momento che non è possibile comprendere le pratiche e le dichiarazioni che rifiutano la sovranità di altri paesi.

L'armonia dei rapporti tra la religione e lo stato, infatti, non è una situazione da criticare. Al contrario, questa situazione può essere molto positiva a causa dell'aspetto delle libertà religiose. Pertanto, gli Stati Uniti, fondati da coloro che fuggirono dalle ghigliottine e dall'intolleranza religiosa in Europa, sono considerati un paese in cui le libertà religiose sono più confortevoli fino a poco tempo fa.

Più che l'armonia dei rapporti tra la religione e lo stato, il fatto che un paese sia uno stato teocratico non è una situazione da criticare. Lo stato di una religione, che affronta le differenze con la tolleranza e che considera la religione pluralista, non può essere un problema nell'aspetto delle libertà e dei diritti umani. Inoltre, questo tipo di situazione può impedire le ricerche imperialiste dei paesi. L'applicazione dello stato ottomano in cui la religione era efficace è un esempio concreto di questa situazione.

Ciò che non dovrebbe essere contrastato è che le religioni hanno una relazione coerente con gli stati sull'asse dei diritti e delle libertà fondamentali, ma che uno stato converte una religione per volere dei propri interessi imperialisti. Al contrario, deve opporsi al fatto che una religione converte uno stato in un apparato a favore dei suoi interessi imperialisti senza avere alcun principio e nessun valore. L’Israele, uno stato teocratico, o il sionismo, una religione di stato, può essere dato come esempio allo stile di posizionamento scorretto delle relazioni tra la religione e lo stato. Musulmani, cristiani ed ebrei, che hanno vissuto insieme per secoli, non possono più vivere insieme sotto l'amministrazione israeliana.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, si dica che Brunson, un evangelista, e il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pompeo, che sta compiendo sforzi per imporre sanzioni alla Turchia, sono membri dello stesso gruppo religioso. È indicato che gli evangelisti nella comunità americana, la politica e la burocrazia sono molto influenti, ci sono 90 milioni di evangelisti negli Stati Uniti e gli ex presidenti, Ronald Reagan e George W. Bush, erano evangelisti. Pertanto, si osserva che il caso Brunson non è legato alla Turchia, ma all'evangelismo e agli Stati Uniti.

Allora, cos'è l'evangelismo?

Quello che si deve dire per primo è che l'evangelismo non è ortodosso o cattolico, ma è una setta religiosa all'interno del protestantesimo. Cominciò a differenziarsi nel diciannovesimo secolo. Evangelismo significa "rivolgendosi al libro sacro". L'intenzione sul libro sacro non è solo la Bibbia, sacra dai cristiani, ma anche l'Antico Testamento, sacro dagli ebrei. Secondo questa riformata valutazione protestante, il cristianesimo dominerà il mondo nel giorno del giudizio e poi scoppierà l'apocalisse. Ma questa situazione potrebbe durare più a lungo nella natura delle cose. Secondo gli evangelisti, il processo deve accelerare. L'elemento apparente, che differenzia gli evangelisti dagli altri cristiani, è che gli ebrei sono il popolo eletto e che i territori ad essi affidati appartengono agli evangelisti e che i cristiani devono sostenere con forza gli evangelisti per conquistare questi territori.

Secondo il professor Dr. Özcan Güngör, ospite di questa settimana del programma “Çeşmi Cihan” della TSR TRT, il processo deve accelerare con sette fasi affinché l'evangelizzazione domini il mondo intero. La prima fase; gli ebrei torneranno nei territori palestinesi. Questa fase è stata verificata su larga scala.

La seconda fase, la fondazione del Grande Israele che includerebbe anche una parte della Turchia. Secondo alcuni la ragione per cui gli Stati Uniti sostengono incondizionatamente Israele nel Medio Oriente e perché gli Stati Uniti riconoscono Gerusalemme come la capitale di Israele, nonostante l'opposizione di tutto il mondo e le Nazioni Unite è l'influenza dell'evangelismo sulla politica statunitense. In effetti, sembra impossibile basare questi passi su una base razionale.

La terza fase; la diffusione del messaggio della Bibbia in tutto il mondo. Il pastore Brunson era in Turchia da più di 10 anni probabilmente per questo scopo. Ma è noto che non solo in Turchia, ma anche in molti paesi, specialmente nei paesi musulmani, i missionari evangelici conducono studi intensivi e che hanno trasformato milioni di persone in cristiani, specialmente in Africa.

La quarta fase; C'è un periodo di disastro che durerà 7 anni.

La quinta fase; Gesù rinascerà

La sesta fase; La battaglia di Armaghedon si svolgerà sotto la guida degli evangelisti, le mani e il bene andranno alla guerra fatale e il "bene" lo vincerà. E Israele deve espandersi in modo che la guerra scoppi il più presto possibile a causa del dominio evangelista dopo quella battaglia.

La settima fase; Dominerà già il cristianesimo in tutto il mondo e scoppierà l'apocalisse.

Costringere il Dio nel Giorno del Giudizio è oltre la capacità dell'umano. Ma è molto evidente che l'umanità sta andando incontro a un disastro. Deve opporsi a ogni tipo di sforzo relativo al sionismo che trascina tutta l'umanità a un disastro rompendo la genetica delle religioni. Ciò sarà possibile solo con la collaborazione di ebrei, cristiani e musulmani la cui genetica non è stata trasformata e tutta l'umanità che vuole la pace sulla Terra.



NOTIZIE CORRELATE