Prospettiva Globale 31

Tre tipi di posizionamento nell’Occidente...

Prospettiva Globale 31

Quando consideriamo gli ultimi 200 anni, uno dei punti chiave di discussione dell'ultimo periodo ottomano, il periodo della Repubblica e dei pensatori contemporanei è quale tipo di approccio verrà adottato contro l'Occidente. Il dibattito, svolto con diversi concetti nel periodo di Tanzimat (riforme politiche), la civiltà occidentale, l'Unione europea e negli ultimi periodi, infatti, è una delle ramificazioni dei principali dibattiti sul posizionamento nei confronti dell'Occidente.

Si può dire che i pensatori dell'ultimo periodo ottomano svilupparono essenzialmente tre diversi posizioni sulla civiltà occidentale e occidentale. L'esempio più tipico del primo approccio, che può essere spiegato come resa, è l'approccio dello scrittore e editore della rivista del tempo Ictihad, Abdullah Cevdet. Secondo Cevdet, c'è solo una civiltà. E questa è la civiltà occidentale. La civiltà occidentale deve essere riconosciuta in tutti i suoi aspetti. Al contrario, è inevitabile la scomparsa.

Il secondo approccio si può chiamare l’approccio alla confutazione. Questo approccio si oppone a tutti gli aspetti dell'Occidente e considera l'Occidente come l'origine di tutti i mali.

Mentre il terzo approccio può essere definito come l'approccio prudente o fiducioso. Questo approccio non esclude le ricerche imperialiste dell'Occidente. Tuttavia, si sviluppa un approccio prudente tra resa e confutazione. Si richiede che la rabbia contro l'Occidente non impedisca di vedere gli aspetti positivi dell'Occidente e gli aspetti negativi di noi. L'espressione più concreta di questo approccio si può osservare concretamente nel grande visir ottomano Said Halim Pasha negli anni della prima guerra mondiale. Secondo il Pasha, l'Occidente e l'Oriente dovrebbero vivere insieme e dovrebbero conoscersi meglio nonostante tutti gli eventi. Ed esprime che l'Occidente non è colpevole solo nelle opposizioni tra Oriente e Occidente, ma che anche l'Oriente è colpevole. Il pasha affermasse che lo scopo di scrivere la sua opera intitolato "Taassub" non è quello di aumentare l'odio e l'ostilità tra le due società, ma eliminare le idee sbagliate che impediscono l'instaurazione di buoni rapporti tra le società che hanno bisogno di ogni l'altro allo stesso livello.

I posizioni sbagliati e i loro risultati

Questo dibattito non è un dibattito rimasta nella storia. Oggi forse è più distruttivo. Con i processi di globalizzazione, in senso geografico e descrittivo non è più concreto come in passato dove inizia e dove finisce l'Occidente, l'Oriente, il Nord e il Sud. Già il mondo è molto più intrecciato. È più difficile rimanere nei loro confini culturali in un modo isolato dal mondo.

Oggi milioni di immigrati e musulmani vivono in Occidente. Possiamo continuare da qui, lasciando da parte gli sforzi di posizionamento nell'Occidente delle società che vivono geograficamente al di fuori dell'Occidente. Possiamo proseguire il dibattito attraverso le società che vivono in Occidente. Poiché la questione può essere meglio compresa attraverso immigrati e musulmani che vivono nelle società occidentali, i loro risultati seri e distruttivi di posizionamento errato. D'altra parte, le posizioni delle società al di fuori dell'Occidente non sono al di fuori di questi tre approcci menzionati sopra.

Possiamo dire che gli approcci di resa e confutazione tra immigrati e musulmani che vivono in Occidente sono molto comuni. Le persone possono evolversi in un radicalismo di resa e confutazione con la psicologia della sconfitta.

Diverse identità e culture vivono relativamente più liberamente in paesi come l'Australia, il Canada e gli Stati Uniti. Come risultato di questa situazione, gli immigrati e i musulmani in quei paesi sono meno reattivi alle società in cui vivono. Ecco perché, forse possono integrarsi più velocemente. Ma, in Europa, gli approcci alla resa e alla confutazione possono essere osservati più dalle politiche più oppresse, assimilatrici e monopolistiche dei paesi. In questi paesi gli immigrati possono evolversi verso la resa e la confutazione di fronte alle posizioni oppressive degli stati collegati e ai valori delle società in cui vivono all'interno delle loro culture e credenze.

In termini di rifiuto, le parti che non vengono riconosciuti o non possono essere descritte nel paese occidentale con le proprie culture e identità, possono avere un punto di vista che rifiuta completamente tutti i valori e le istituzioni della società in cui vivono. Le parti, che evolvono in questo tipo di radicalismo, sono completamente isolate dalla società dopo un po’. Dopo questa fase, queste parti non contribuiscono alla società e ai paesi. Queste parti, dopo un po’, possono diventare le parti in cui le bande di terroristi trovano facilmente una base. Ecco perché, al di fuori dei paesi occupati dall'Occidente come l'Afghanistan, l'Iraq e la Libia, la maggior parte della partecipazione a gruppi terroristici come DAESH avviene dai paesi occidentali. Le bande terroristiche possono essere viste come una salvezza per le parti in Occidente in un crollo psicologico che rifiuta tutto. Mentre questi giovani parlano molto bene molte lingue come inglese, francese e tedesco. E alcuni sono ben istruiti e conoscono molto bene le culture dei paesi in cui vivono. Se possono adottare una postura corretta, possono essere un faro sia per l'Occidente che per i paesi in cui vivono. Ma con le posizioni sbagliate scompaiono dalla faccia della terra. Il negazionismo, oltre a scomparire, non ha un futuro per le società e per gli individui. Pertanto, l'approccio negazionista può essere supportato da alcuni servizi di intelligence occidentali e dai partiti monopolistici che considerano il pluralismo una minaccia. Questi servizi fanno anche sforzi per far sì che le parti e le opinioni di rifiuto vengano esportate nei paesi musulmani.

Contrariamente al negazionismo, gli immigrati in Occidente possono adottare un approccio di resa come posizione malriposta. Nell'adattamento dell'approccio di resa, l'effetto che la società in cui si vive non lascia un altro percorso di uscita è molto importante. Gli individui con un approccio di resa possono assimilare completamente lasciando da parte i valori, le credenze e le culture che avevano nel passato. Poiché le parti si sono arrese completamente lasciano le loro libertà, eliminano il potere di contribuire alla società. I partiti arresi possono sempre agire con la frustrazione dell'umiliazione per le proprie culture, società e paesi d'origine con la preoccupazione del futuro o con l'opinione di approfittare delle società in cui vivono. In realtà, questa posizione può essere il manifesto dello sforzo di riprodurre in ogni occasione una posizione che non può mai essere interiorizzata. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui alcune parti assimilate agli immigrati in Europa si oppongono a meno reazioni contro la società, la cultura e il paese. Se i leader dei paesi fanno credito per questa posizione radicale e l'umiliazione degli immigrati, questa situazione può culminare nell'ulteriore avvelenamento delle relazioni tra gli immigrati e i paesi in cui vivono e dove arrivano.

Cosa porta ad un posizionamento prudente? Continueremo la prossima settimana.



NOTIZIE CORRELATE