Prospettiva Globale 25

Gli indifesi nel mondo: migranti

Prospettiva Globale 25

Il 20 giugno viene celebrato come "Giornata mondiale del rifugiato". Questo giorno è dedicato ai rifugiati, che sono considerati gli indifesi della terra e di cui parliamo principalmente e generalmente ignorano i loro problemi, anche se condividiamo il mondo con loro.

Attualmente si parla di 65-70 milioni di rifugiati. Con questa popolazione, i rifugiati costituirebbero il 20esimo paese più grande del mondo. Mentre il numero degli sfollati, dovrebbe essere di 400 milioni.

I numeri sono alti. Solo queste cifre per le persone con coscienza dimostrano la nostra insensibilità. Allo stesso tempo, la fredda realtà dei numeri oscura la sofferenza, le lacrime, le vittime, le atrocità e le espulsioni. Spesso, non ricordiamo che dietro le cifre espresse in decine di milioni, nascondiamo i drammi che vive ogni bambino, donna o anziano. Eppure ogni fuga e migrazione è lasciare senza motivo, le terre dei suoi antenati, sua madre, suo padre, lasciando dietro risultati di diversi secoli per andare all'insicurezza? Ogni migrazione è una decisione definitiva dei più difficili che prendiamo dopo aver esaurito tutto ciò che appartiene al passato e le speranze per il futuro.

I paesi di origine dei migranti sono principalmente la Siria, l'Afghanistan, il Sud Sudan e la Somalia. Ciò che è ancora più triste è che la Siria, che era uno dei più grandi paesi ospitanti per i migranti nel 2010, è diventata ora uno dei più importanti paesi di partenza per i migranti. Questa è una lezione per i paesi che non vogliono accettare migranti nel loro paese e fanno del loro meglio per impedire ai migranti di venire nel loro paese. Per coloro che vogliono vedere, la storia del mondo è piena di eventi simili che danno lezioni. Non esistono quasi comunità al mondo che non siano diventate migranti in un determinato momento della storia e che non siano state costrette a migrare.

I principali paesi di origine dei migranti sono paesi che si confrontano in un modo o nell'altro con l'intervento occidentale. Questi sono paesi che sono diventati campi di confronto delle strategie globali. I migranti sono le principali vittime dei combattimenti tra le forze globali.

Naturalmente, l'unica ragione per il problema della migrazione non è il confronto delle strategie globali. Dobbiamo anche parlare di problemi all'interno di questi paesi, problemi politici, cattive amministrazioni, ragioni economiche, siccità, carestie e molte altre questioni. C'è anche una migrazione climatica dovuta al riscaldamento globale.

Ci vuole un grande sforzo per affrontare le grandi ondate migratorie. Ma a volte piccole devozioni possono essere sufficienti per arrivare a una soluzione. Un pozzo d'acqua sorvegliato in un piccolo villaggio in Africa non richiede un budget elevato ma può impedire la migrazione di un intero villaggio. Questo tipo di sforzo non può, forse, risolvere definitivamente il problema, ma almeno indica una volontà. Come la formica che portava l'acqua per estinguere il fuoco di Abramo. Questi piccoli devoti possono salvare delle vite, forse non per noi ma per coloro che ne traggono beneficio. Come la risposta dell'uomo che tra le migliaia gettava in mare, per quanto possibile, le stelle marine bloccate sulle coste: "Sì, il mio gesto potrebbe sembrare sciocco per te dal momento che non posso salvarli tutti. Ma ogni stella marina che getto in mare riguadagna la vita grazie al mio gesto". Ciò che conferisce virtù a un uomo non è la posizione che occupa o la ricchezza che possiede, ma la sua sensibilità verso gli altri. 

Continueremo ad accontentarci di identificare la sofferenza dei migranti e di fare analisi a freddo? Daremo qualsiasi responsabilità a coloro che sono responsabili di questa sofferenza?

Certo che no. Criticheremo con tutte le nostre forze le cattive amministrazioni che non hanno lasciato speranze nel loro paese e hanno rubato il passato e tutte le speranze per il futuro. Dobbiamo anche definire gli obiettivi degli imperialisti, che si impongono come incubi sull'impotenza di persone o paesi, e che costruiscono con indifferenza disumana le loro strategie globali sulla sofferenza.

D'altra parte, dobbiamo elogiare i paesi che adottano una politica internazionale basata su persone, principi e valori, non interessi. Sebbene non siano tra i paesi più ricchi del mondo, il peso della Turchia, del Libano e della Giordania nel contesto dei rifugiati siriani è più grande da quello del resto del mondo. Il numero di migranti ospitati da una sola città turca, ovvero Kilis, è molto più alto che in molti paesi occidentali. Oggi ci sono più di 300 mila neonati in Turchia dall'inizio della crisi. Eppure questi paesi non sono in alcun modo parte della crisi siriana.

D'altra parte, i giocatori globali sono parte del problema. Il loro interesse per la Siria è principalmente legato ai propri interessi per maggiori spese militari, vendite di armi e approfondimenti non risolti.

La comunità internazionale deve costringere questi attori globali a condividere l'onere di risarcimento. Ciò è implicito in qualsiasi approccio in linea di principio che sia umanitario, morale, scrupoloso, universale, religioso, ideologico o altro.

Per una soluzione, occorre creare più consapevolezza. Questo, a sua volta, non è compito degli attori globali che fanno parte del problema, ma principalmente delle organizzazioni non governative. Mentre le strategie globali sono la causa principale del disagio dei rifugiati, le organizzazioni non governative che cercano soluzioni rimangono locali o regionali. Per creare consapevolezza globale, le organizzazioni non governative devono cercare collaborazioni ancora più globali e fornire maggiori informazioni alla comunità internazionale attraverso rapporti e analisi. In realtà, questo non è solo il lavoro delle organizzazioni non governative, ma un compito per tutti noi. Per ogni problema o dramma umano, per la cui non diamo alcun contributo alla soluzione, non ci rende solo incoscienti. Qualsiasi dramma irrisolto può significare un prezzo ancora più alto per l'umanità.

Vi abbiamo presentato le valutazioni sulla questione del decano del Facoltà di Scienze Politiche presso l’Università Yildirim Beyazit Ankara, il Prof.  Kudret Bulbul


etichetta: Kudret Bulbul

NOTIZIE CORRELATE