Due sviluppi importanti in Medio Oriente: Gerusalemme ed elezioni in Iraq

Vi presentiamo la valutazione di Can Acun, ricercatore presso la Fondazione per la politica, l'economia e la ricerca sociale (SETA)...

Due sviluppi importanti in Medio Oriente: Gerusalemme ed elezioni in Iraq

In Medio Oriente si sono verificati due sviluppi che interessano da vicino la Turchia e l’opinione pubblica mondiale. In primo luogo, il trasferimento dell'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme e l’uccisione di 60 palestinesi ed il ferimento di altri 2 mila 770, che hanno partecipato a una manifestazione pacifica, da parte di soldati israeliani. Mentre il secondo sviluppo sono le elezioni in Iraq. 

Vi presentiamo la valutazione di Can Acun, ricercatore presso la Fondazione per la politica, l'economia e la ricerca sociale (SETA).

Dopo la dichiarazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di trasferire l'ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme ci sono state reazioni da tutto il mondo. Mentre la maggior parte dei membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha votato contro la decisione degli Stati Uniti sul trasferimento dell'ambasciata, gli Stati Uniti hanno posto il veto e impedito l'adozione della risoluzione. Nella seconda fase, la proposta di risoluzione portata al consiglio dell'ONU è stata accettata da quasi tutti i membri. Poiché le decisioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non sono obbligatorie, la proposta statunitense non è potuto essere prevenuta, ma il mondo ha mostrato il suo rifiuto alla decisione degli Stati Uniti. Inoltre, l'Organizzazione per la cooperazione islamica, riunendo in un incontro straordinario su richiesta della Turchia, ha condannato la decisione di Trump. Il fatto che la posizione di quasi tutto il mondo sia inefficace contro il veto degli Stati Uniti, conferma la correttezza della dichiarazione del presidente Recep Tayyip Erdoğan, che “il mondo è più grande di cinque".

Dopo tutti questi sviluppi, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non ha deviato dalla sua decisione e ha mostrato determinazione nel compiere la profezia degli evangelisti che "Gerusalemme diventerà la capitale degli ebrei". In effetti, ci sono alcuni evangelisti nel gabinetto di Donald Trump. Il rabbino nominato da Donald Trump all'inaugurazione dell'ambasciata è noto come un evangelista radicale. Alcuni giorni fa, quando l'ambasciata degli Stati Uniti è stata aperta dalla figlia e dal genero di Donald Trump, i palestinesi hanno tenuto manifestazioni pacifiche. Nella Striscia di Gaza, la più grande prigione a cielo aperto del mondo, i palestinesi hanno organizzato manifestazioni pacifiche vicino al confine israeliano. I soldati israeliani hanno sparato senza pieta contro i manifestanti palestinesi con munizioni veri, uccidendo 60 palestinesi e ferendone 2 mila 770.

Da una parte venivano uccisi civili palestinesi, dall’altra parte il genero di Donald Trump e sua figlia erano impegnati a organizzare grandi celebrazioni a Gerusalemme per l'apertura dell'ambasciata. Nonostante centinaia di video e immagini che provano i crimini commessi da Israele, l'amministrazione statunitense ha accusato Hamas, in realtà dimostra la sua sfrontatezza nei confronti di Israele. Uno dei motivi principali per cui l'amministrazione americana si comporta in modo così sicuro è il sostegno aperto degli stati arabi al presidente degli Stati Uniti Donald Trump in modo di proteggere i propri potere e non preoccupandosi dei palestinesi. Solo la Turchia sta sostenendo i diritti dei palestinesi in tutto il mondo. Dopo la morte dei palestinesi, la Turchia ha decretato un lutto nazionale di tre giorni e ha pubblicato una dichiarazione congiunta in Parlamento sulla condanna di Israele. Inoltre, la Turchia ha richiamato i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e Israele e ha chiesto anche all'ambasciatore israeliano in Turchia di tornare nel suo paese.

Un'altra questione importante sono state le elezioni parlamentari in Iraq. Le elezioni in Iraq sono state di grande importanza a causa della lotta contro DAESH, il crollo di diverse città come Mosul, Falluja e Anbar a seguito dei combattimenti e la ripresa del controllo da parte del governo centrale iracheno di diverse città contestate come Kirkuk e Sinjar in seguito al referendum di indipendenza dell'amministrazione regionale del nord Iraq. Ma l'affluenza alle urne è stata bassa, solo 44%. Le elezioni si sono concentrate sulle liste elettorali del primo ministro iracheno Haidar Al-Ibadi, dell'ex primo ministro iracheno Nuri Al Maliki, del leader sciita Mukteda al-Sadr e del gruppo Hashdi Shaabi, del leader sunnita Osama en Nuceyfi e del leader sciita Ammar Al Hekim.

Secondo l'Alta Commissione elettorale irachena, la lista di Mukteda al-Sadr è la vincitrice delle elezioni e la seconda è la lista di Fatah dei gruppi di Hashd Shaabi. La lista del primo ministro iracheno Haidar al-AIbadi dovrebbe arrivare in terza posizione, e quello dell'ex primo ministro iracheno Nouri al-Maliki, al quarto.

Dopo le elezioni dovrebbe indebolirsi la forza e l'influenza dell'Iran nella politica interna irachena. Siccome, le liste dell’ex primo ministro Nuri al-Maliki e gruppi Hashdi Shaabi non dovrebbero prendere parte al governo. Tuttavia, anche se l'Iran sarà più debole politicamente in Iraq continuerà ad essere uno dei principali attori a livello militare. Il gruppo Hashdi Shaabi, che è direttamente controllato dall'Iran, svolge un ruolo importante come importante sfidante per il nuovo governo iracheno, in particolare all'interno delle forze armate irachene e come seconda forza armata.

Dal punto di vista delle politiche degli Stati Uniti e dell'Arabia Saudita con lo scopo di limitare l'influenza dell'Iran in Medio Oriente, i risultati delle elezioni possono essere visti come un successo parziale. Ad esempio, il leader sciita Mukteda Sadr, che in passato guidava la resistenza armata contro gli Stati Uniti, ora ha relazioni relativamente migliori con gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita. Allo stesso tempo, il primo ministro iracheno Al Ibadi è stato portato al potere dagli Stati Uniti dopo la conquista di Mosul da parte del DAESH. Ibadi, che ha recentemente effettuato una visita ad alto livello in Arabia Saudita, è pronto a cooperare con gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita per limitare la sfera di influenza dell'Iran in Iraq.

Sebbene le elezioni in Iraq includano diversi punti chiave per la Turchia, la lotta al terrorismo è di particolare importanza. Perché le operazioni transfrontaliere svolte nel nord dell'Iraq dalle forze armate turche contro l'organizzazione terroristica PKK dovrebbero diventare un movimento più completo. Un'operazione turco-irachena contro la presenza dell'organizzazione terroristica del PKK nel territorio iracheno e con il sostegno del governo centrale dell'Iraq, sarà uno sviluppo molto importante per le relazioni turco-irachene. Le forze di sicurezza turche, che sono riuscite a minimizzare le attività dell'organizzazione terroristica PKK in Turchia, hanno in programma di continuare i combattimenti contro il terrorismo oltre i confini come ha fatto con le operazioni Scudo dell'Eufrate e Ramo d’Olivo.


etichetta: Can Acun

NOTIZIE CORRELATE