• Video Gallery

AGENDA

SECONDO SETTIMANA DELL’OPERAZIONE RAMO D’ULIVO

AGENDA

Avvengono importanti svolgimenti in Siria.Le forze armate turcheda  circa due settimane continuano con grande successo le loro operazioni Ramo d’Ulivo a Afrin per eliminare ogni minaccia terroristica nella regione.  Le forze armate turche anchè proteggiano i punt idi osservazione a Idilib per diminuire la tensione nella regione. Tutti quegli svolgimenti nel campo influenza anche il ruolo degli USA in Siria. L’Operazione del Ramo d’Ulivo creando un effetto di dominio  diminuirà il PKK/PYD anche nelle altre regioni in Siria. A Mimbj, Hasaka, Raqqa e Deir-Ar Zor gli abitanti spaventata dalla violenza dei terroristi , oggi pian piano comincia a resistere. Le ricerche di soluzioni  durante il processo di Astana, attivato dalla Turchia, Iran e Russia, isolano di più gli USA nella regione poichè gli USA hanno avanzato passi falsi. Sopratutto le Forze armate tuche  si sono collocate  sulla collina di El-Eys che ha una posizione strategica cosi hanno rafforzato la posizione della Turchia in Siria.

L’operazione Olio d’ulivo continua con successo Nonostante le difficolta’ geografiche a Afrin le Forze armate turche e lesercito libero siriano avanzano . Alcune colle nella regione sono state conqusitate e cosi e’ distrutta l’idea secondo la quale YPG e’ insuperabile causata dal sostegno degli USA Come si sà  nelle regione controlalte dall’YPG la gran parte del popolo è di etnia araba, turcomana e curdo. Dopo che è stata eliminala la minaccia del Deah nella regione nella regione  ora si discute della legittimità dell’YPG. L’alleanza della Turchia con l’oppozizione siriana creata dgli arabi , curdi e turcomanni che vivono nella regione è diventata un’opzione per gli abitanti della regione.

Gli abitanti, sopratutto quelli che vivono a Mibıj, hannıo iniziato una resistenza creando gruppi di resistenza contro la violenza dell’YPG. Ogni vittoria avuta con l’’Operazione del Ramo D’Ulivo incoraggia quesgli abitanti.

Quindi, l’Operazione Ramo d’Ulivo isola non solo l’YPG ma anche gli USA che eseguisce una politica in Siria basata sull’alleanza con l’YPG.

Il dissidio tra le istituizioni statunitensi si rivela ultimamante nella dichiarazione della CIA che ha elencato l’YPG nella lista delle organizzazioni terroristiche.

 

USA, lasciati fuori dal processo di Astana eseguita  dalla Russia Iran e Turchia, dipedono più isolati ogni giorno. Ultimamente l’intenzione degli USA di formare un esercito con i membri dell’YPG al confine  ha sidtrurbato la Turchia, Russia e L’Iran. Anzi, gli USA assicuravano che l’aiuto militare all’YPG  sarebbe stato molto limitato e oggi pensano di formare con loro un’esercito.

Turchia negli ulimi mesi è diventata un attore  più strategica e dominante nell’opinione pubblica internazionale e nel campo della crisi siriana. Questo deriva dal fatto che  la Turchia dà dà pieno sostegno alla gente siriana

Oggi Turchia  ospita oltre 3 milioni  rifugiati siriani  e fornisce aiuti umanitari a 4 miliomi siriani nelle terre siriane.

 

                                                                                          


etichetta: AGENDA

NOTIZIE CORRELATE