La minaccia del micro-nazionalismo in Europa

Ogni giorno di più il razzismo sta diventando dominante nei paesi dell'Unione europea...

La minaccia del micro-nazionalismo in Europa

Ogni giorno di più il razzismo sta diventando dominante nei paesi dell'Unione europea. Dopo la Germania, l’Olanda, il Belgio, gli elettori in Austria hanno consegnato l'amministrazione del paese ai partiti razzisti di estrema destra.

Nelle elezioni della scorsa settimana in Austria, ha vinto il Partito Popolare Austriaco di destra e che ha seguito politiche diversificativi come crimini di odio contro i musulmani. Al secondo posto è il Partito di Libertà austriaco che ha una retorica di estrema destra e nazista.

Nelle elezioni tenute in Germania il mese scorso, i partiti che hanno posizioni di reato di odio contro i musulmani ei turchi in particolare hanno avuto un’esplosione nei voti. Anche i socialdemocratici della Germania, che hanno una pretesa di essere il protettore naturale dei diritti umani e della democrazia, hanno fatto propaganda con dichiarazioni razziste contro i lavoratori stranieri, gli immigrati ei musulmani.

Le elezioni in Austria hanno mostrato ancora una volta che l'Europa si sta avvicinando al razzismo con maggiore velocità. Non dovrebbe essere sorprendente che l'Europa si è evoluta nel crimine di odio dell'isolamento, İL nazismo e İL razzismo, che hanno vissuto in tranquillità dal 1945.

Dall’inizio della storia scritta, questo continente non ha mai vissuto senza guerre o conflitti interni per un secolo.

Il periodo senza conflitti più lungo in Europa sta continuando dal 1945. Il motivo di questo sono i risultati dei trattati di pace in cui sono stati coinvolti le forze non-europee e le conseguenze politiche.

Inoltre, con lo sviluppo della tecnologia, quasi tutta l'Europa è stata bombardata e l'economia ha visto il livello più basso, ed anche questo è stato un fattore.

Quasi tutte le città europee che oggi si considerano come città storiche sono state devastate. Le strutture e le regioni che avevano il carattere del patrimonio culturale dell'umanità sono state distrutte a causa di bombardamenti aerei e terrestri. L'Europa dal 1945 al 1970 ha vissuto il periodo di ristrutturazione e trattamento delle ferite. I movimenti giovanili terroristici alla fine degli anni '60 sono stati la conseguenza di questa prosperità. Il terrorismo in Europa ha raggiunto il livello di rapire e uccidere i primi ministri dei paesi. Il primo ministro italiano Aldo Moro è stato ucciso da un gruppo terrorista di sinistra chiamato le brigate rosse. 10 anni dopo un altro gruppo terroristico europeo PKK massacrò il primo ministro svedese Olof Palme. Quando l'Europa ha visto che il timone del terrore era diretto a se stesso, improvvisamente sono state eliminate tutte le organizzazioni. Ad esempio è stato dichiarato al mondo che tutti i capi della famosa band tedesca Baader-Meinhof si sono suicidati una notte nelle loro celle nel carcere.

Il gas accumulato all'interno del mondo occidentale è diretto purtroppo verso il Medio Oriente e l'Asia. L'Europa sta già cominciando a subire le conseguenze della tolleranza che ha mostrato al terrorismo nel corso degli anni. Oggi i movimenti anti-musulmani, anti-immigrati o lavoratori stranieri sono un passo primo al trasformazione in conflitti etnici e micro-nazionalismo.

Credete che quando i musulmani, gli immigrati oi lavoratori stranieri torneranno nei loro paesi, sarà eliminato questo gas del terrorismo accumulato in Europa? La malattia del razzismo non può sopravvivere senza avere un aspetto opposto. E questa malattia mortale dell'umanità in breve tempo produce il suo contrario.

La Germania, il Belgio, l’Italia, la Francia, i Paesi Scandinavi ... Il nazionalismo che appare in quasi tutti questi paesi si sta lentamente evolvendo verso il micro-nazionalismo. Si è apparso già nello stato della Baviera in Germania che forma lo stato più grande e più ricco. La Lega Nord dell'Italia cammina sullo stesso percorso. La Svezia è composta da 21 stati. I nipoti dei vichinghi hanno cominciato ad avere problemi. La Francia ha problemi in Corsica e in altre regioni. Il nazionalismo regionale sta prendendo in ostaggio questo paese mediterraneo. Anche in Grecia che sta lottando contro i problemi economici da molti anni, esiste il pericolo di nazionalismo etnico.

Nonostante tutte le tendenze micro nazionalistiche, la scorsa settimana, il presidente della Repubblica di Turchia Recep Tayyip Erdogan si è recato in Serbia come ospite del presidente serbo. Tutti sanno che i turchi ei serbi storicamente hanno avuto rivalità e gravi lesioni. A causa del genocidio contro i bosniaci, ei dolori della guerra del Kosovo sono state lasciate tracce profonde nel cuore di ogni cittadino turco. Ma il leader turco Erdogan contro questa ondata di nazionalismo, sta sviluppando forti relazioni politiche, commerciali e diplomatiche. Un altro leader che conosce la minaccia di fronte al mondo e all'Europa, è il leader serbo Alexandr Vucic. Vucic ha richiamato l'attenzione sulla necessità dell'alleanza turca e serba dicendo che il mondo non è più nel XVI. secolo e ha accompagnato Erdogan in tutte le sue visite.

L'approccio di due leader è anche un muro e una risposta all'orribile ondata razzista che si sta espandendo in Europa. I due paesi che hanno avuto un rapporto con più distanza in passato, oggi possono essere gli alleati economici e politici e questo dovrebbero essere una speranza per l'Europa.

Oggi il Parlamento europeo e la Commissione europea sono due istituzioni in cui esistono i nazisti. La retorica razzista dei politici europei come Merkel e Kruz, potrebbe lascare queste due istituzioni al dominio di razzisti e nazisti.  



NOTIZIE CORRELATE