Ministro tedesco: "Processo NSU non dovrebbe essere "punto finale" nella lotta contro estremismo

Un tribunale tedesco ha condannato il neo-nazista Beate Zschaepe a ergastolo  per gli omicidi e gli attentati terroristici del gruppo terroristico NSU contro i turchi che vivevano in Germania.

Ministro tedesco: "Processo NSU non dovrebbe essere  "punto finale" nella lotta contro estremismo

Il ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer ha detto che la sentenza  del processo NSU non dovrebbe essere il "punto finale" nella lotta del suo paese contro l'estremismo.

Un tribunale tedesco ha condannato il neo-nazista Beate Zschaepe a ergastolo  per gli omicidi e gli attentati terroristici del gruppo terroristico NSU contro i turchi che vivevano in Germania.

"Con il verdetto di oggi, la magistratura ha completato il suo lavoro, ma il verdetto del tribunale non può alleviare il dolore dei parenti e la sofferenza delle vittime sopravvissute", ha detto Seehofer.

Altri due sospettati  che hanno ammesso di aver fornito sostegno al gruppo in passato e hanno collaborato con la polizia.

Holger G. È stato  condannato a tre anni di carcere e Carsten S. condannato a tre anni sotto il codice penale minorile.

Ralf Wohlleben, uno dei principali sostenitori del terrorista NSU che è stato accusato di fornire la pistola usata per gli omicidi, è stato condannato a 10 anni di prigione.

Gerbert Diemer, il procuratore dello stato, ha elogiato l'esito del processo, definendo il verdetto "il successo dello stato di diritto".

Josef Schuster, presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania, da parte sua, ha detto che ci sono molte domande che rimangono senza risposta.

"L'ambiente NSU rimane nell'oscurità", ha detto Josef Schuster.

La National Socialist Underground (NSU) ha ucciso otto  turchi, un cittadino greco e una poliziotta tedesca tra il  2000 e il 2007.

Il pubblico tedesco ha sentito per la prima volta il nome del NSU e il  suo ruolo negli omicidi nel 2011, quando due membri - Uwe Mundlos e Uwe Bohnhardt – sono stati uccisi  dopo una  rapina in banca e la polizia ha trovato armi nel loro appartamento.

Durante il processo Zschaepe ha negato sempre il suo ruolo negli omicidi e attentati. Lo scandalo ha portatoanche alcuni dubbi e critiche  su  polizia e fonti  di sicurezza.

Fino al 2011, i servizi di intelligence della Germania escludevano qualsiasi motivo razziale per gli omicidi e invece trattavano le famiglie di immigrati come sospetti principali , interrogandoli su presunti legami con gruppi mafiosi e trafficanti di droga.

 



NOTIZIE CORRELATE